6 Ragazzi Italiani Si Trasferiscono In California E Scoprono Come Trasformare I Rifiuti In Energia Pulita

6 Ragazzi Italiani Si Trasferiscono In California E Scoprono Come Trasformare I Rifiuti In Energia Pulita

el 2012 sei ragazzi italiani tra i 20 e i 30 anni si trasferiscono in California con il sogno di convertire i rifiuti in energia senza inquinare. Tutto era iniziato alcuni anni prima, quando i compagni di università Dario Presezzi, Marco Mosciariello e Stefano Pessina avevano ipotizzato e poi gradualmente delineato lo sviluppo del loro progetto. A loro si erano poi aggiunti Valentino Villa, esperto nella gestione aziendale, Mattia Bonfanti, programmatore e Matteo Longo, esperto di acquisti e comunicazione.*

I loro primi esperimenti furono presentati a varie aziende italiane, ma niente: nessuno voleva credere o investire in questo nuovo progetto; era necessario aprirsi al mondo, e fu così che sbarcarono nella Silicon Valley.

Come funziona:

Il sistema progettato e realizzato da Bioforcetech Corporation (questo il nome della loro start-up) in 5 anni di esperimenti permette di essiccare i rifiuti liquidi delle fognature trasformandoli in un fertilizzante nutriente e privo di elementi nocivi.

All’interno del Biodryer (l’essiccatore), i fanghi vengono privati del 70% della loro umidità sfruttando il calore prodotto dai batteri stessi, quindi senza l’uso di energia additiva; successivamente, tramite un secondo passaggio (P-Five) viene eliminata la carica batterica e prodotta energia rinnovabile. Bioforcetech ha ottenuto l’autorizzazione ad operare della BAAQMD (protezione ambientale della California, corrispettivo dell’ARPA in Italia) la quale è la più severa negli Stati Uniti e una delle più severe a livello mondiale. Questo permesso viene considerato uno dei più grandi successi di Bioforcetech.

Il primo beneficio di questo processo è il risparmio a livello di trasporti: niente più mezzi pesanti adibiti al trasporto dei liquami fino alle zone di smaltimento. Inoltre, tutto quel materiale organico che andrebbe altrimenti sprecato può essere riutilizzato e tornare all’ambiente. In che modo? Ovviamente sotto forma di fertilizzante naturale.

Da vari test si è notato che il prodotto finale, chiamato Nutrieno, è un ottimo ammendante agricolo sia per la sua porosità sia per il contenuto di principi nutritivi.

loading...

Il progetto è appena passato ad una fase operativa, con 6 essiccatori attivi presso il depuratore di Redwood City che dovrebbero trasformare 7mila tonnellate di fanghi in 700 tonnellate di materiale organico riutilizzabile in agricoltura.

Non vogliamo dilungarci sul solito e abusato discorso della fuga dei cervelli, perciò lasceremo a voi le conclusioni. Di certo possiamo dire che questi sei ragazzi, con il loro sogni e le loro competenze, sono l’ennesimo esempio di eccellenza italiana. Che noi, ancora una volta, non abbiamo saputo sfruttare.

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *