GUARDIA DI FINANZA, L’INFAMATA DEL GIORNO? PARRUCCHIERA MULTATA PERCHE’ SI E’ FATTA LA PIEGA NEL SUO NEGOZIO! ECCO IL ‘GESTO EROICO’ DEGLI AGUZZINI DI STATO

A mezzogiorno si è presentata la signora che era prenotata per quell’ora, abbiamo quindi interrotto la mia acconciatura, che non era neppure finita (mancavano la lacca e quant’altro); la mia dipendente, intanto, aveva terminato il suo orario e – prosegue la Lucci – è uscita; io ho fatto accomodare la cliente; in quel mentre, è entrato il finanziere e mi ha chiesto se mi fossi fatta pettinare, e dov’era la fattura; il suo collega è comparso di lì a poco, riaccompagnando la mia dipendente, fermata a pochi passi dal negozio. È stata rivolta praticamente a lei l’accusa di non avere emesso la ricevuta fiscale, quando invece – precisa la titolare – la ragazza non ha neppure accesso alla cassa. Comunque – continua allibita la parrucchiera – confesso che, inizialmente, ho creduto che i finanzieri scherzassero e ridevo; invece, hanno fatto sentire me e la dipendente come se avessimo evaso chissà che cosa: ho iniziato a stare male e a piangere. Inutilmente ho invocato il buon senso, spiegando che 500 euro sono tantissimi per non avere commesso pressoché niente. Macché».*

Una disavventura che Mara Lucci vuole risparmiare ad altri: in gioco c’è l’Iva. «La Finanza – dice – mi ha spiegato che, anche per il titolare di qualsiasi attività, vale la normativa sulla prestazione gratuita (che noi applichiamo ai parenti): va emessa sempre la fattura, o va battuto lo scontrino, con l’importo della prestazione (in tal caso, i 10 euro della piega) mentre, alla voce totale, va indicato zero. L’esempio che mi è stato portato dal finanziere è quello del barista: se si fa il caffè nel proprio locale, deve battersi lo scontrino. Nel mio caso, è stata la piega più cara del mondo». Il comando provinciale della Guardia di finanza non ha formalmente reso dichiarazioni sull’accaduto.

loading...

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *