Marito Affronta Il Farmacista Che Aveva Insultato La Moglie… Ma Non Si Aspettava Di Sentire Questo

Un uomo arriva a casa e trova la moglie in lacrime. La Donna singhiozzando spiega all’uomo che piangeva perchè la mattina aveva telefonato al farmacista e questo l’aveva insultata al telefono.°°Il marito infuriato si precipita in farmacia. Scende dalla macchina e dirigendosi verso il farmacista, inizia ad inveire contro l’uomo. L’uomo tenta di parlare ma il marito sembra veramente non volere ragioni. Fin quando il farmacista alzando un po’ la voce dice: “Le chiedo solo un minuto, per ascoltare la mia versione…”
Ed inizia raccontando: “Stamattina la sveglia non è suonata, cosi quando ho riaperto gli occhi mi sono catapultato dal letto, mi sono vestito e sono sceso da casa senza fare colazione, mentre mi dirigevo in macchina mi sono accorto di aver dimenticato le chiavi, cosi sono tornato a casa a riprenderle ma nella fretta mi ero tirato la porta di casa, lasciando anche le chiavi di casa dentro. Ero già molto in ritardo. Così ho rotto il vetro e ho preso le chiavi. Mi sono messo in macchina e nella corsa per far prima, ho preso una multa per eccesso di velocità, quando stavo per arrivare al negozio mi si è bucata la ruota della macchina. Sono sceso e me la sono fatta a piedi di corsa.

Sono arrivato davanti la farmacia e già c’erano tante persone in fila. Quando ho aperto, anche il telefono ha iniziato a suonare. Non smetteva. Ed intanto per smaltire la coda, servivo i clienti. Mentre stavo dando il resto ad un signore mi sono cadute tutte le monetine a terra, mi sono chinato per raccoglierle, ma non mi ero accorto che avevo lasciato il cassetto della cassa aperto, così ho sbattuto la testa. Intanto il telefono non smetteva di suonare, appena sono riuscito a prenderlo, ha risposto una signora che era sua moglie. Sa che voleva? Voleva sapre come usare un termometro rettale… è stato quando le ho spiegato come utilizzarlo che si è messa a piangere e gridandomi PORCO ha chiuso la cornetta del telefono.

loading...

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *