NEL NAPOLETANO STA AVVENENDO UNA INVASIONE DI SERPENTI

Anche in provincia di Napoli è emergenza serpenti, dopo tre distinti episodi avvenuti in centro e nord Italia: a Pianura, un quartiere molto popoloso della città partenopea, diversi abitanti hanno denunciato la presenza massiccia di serpenti in numerose zona quali giardini e parchi pubblici. Se ne è parlato in particolare sui social network, dove i diretti interessati hanno posto in risalto i possibili rischi legati dalla presenza dei rettili in posti frequentati tutti i giorni dai bambini.*

Inoltre anche le case e le abitazioni limitrofe sono esposte al rischio di possibili ‘sconfinamenti’ da parte di questi striscianti animali, per i quali risulterebbe molto facile insinuarsi negli spazi abitati. Già qualcuno sembra abbia avuto uno spiacevole contatto ravvicinato in questo senso.

Giusto ieri un uomo si è visto apparire davanti  un pitone di ben 8 metri di lunghezza, il tutto mentre stava falciando il prato del proprio giardino. Il fatto si è verificato a Montecchio Maggiore, in provincia di Vicenza, dove già nelle passate settimane e per la precisione a Montegalda, è avvenuta una mini-invasione di bisce nei giardini sparsi nel territorio comunale.

E non finisce qui: a Grosseto una coppia di frustoni, due esemplari non letali di serpenti ed equiparabili a delle innocue bisce, erano diventate oggetto di una spasmodica ricerca da parte delle autorità locali per tutto un pomeriggio, prima di essere catturate e rimesse in libertà in una zona all’aperto fuori città. La presenza massiccia di questi animali è legata a particolari condizioni ambientali che si vengono a creare, oltre ad altre di natura comportamentale.

loading...

Nel caso del pitone ad esempio è facile pensare a qualcuno che avrà comprato a suo tempo l’animale per tenerlo a casa, salvo poi disfarsene in maniera incauta mettendolo in libertà. Una leggerezza che purtroppo può causare problemi ed inconvenienti di una certa gravità tanto all’animale stesso quanto alle persone.

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *