Una donna permette al pubblico di usare il suo corpo come un oggetto per 6 ore, e quello che è accaduto, è agghiacciante! (VIDEO)

L’artista marina abramovic in uno dei suoi esperimenti più controversi, al limite della comprensione, chiamato ritmo 0. La performance è stata condotta nel 1974 in studio a napoli, italia. Le fotografie di questa forma d’arte hanno sconvolto il mondo intero. Scopri perché.
L’esperimento si dimostrava semplice: l’artista abramovic doveva restare immobile come se fosse un oggetto inanimato, per un periodo di 6 ore. Durante questo periodo, I partecipanti e I visitatori, potevano interagire con il suo corpo ed usare su di esso, I 72 oggetti esposti su un tavolo vicino…*

loading...
Sul tavolo l’artista aveva collocato anche il seguente messaggio:
– ci sono 72 elementi sul tavolo e si possono usare liberamente su di me.
– premessa: io sono un oggetto. Durante questo periodo, mi prendo la piena responsabilità di ciò che accade.
– durata: 6 ore (20: 00-02h00)
C’era oggetti di piacere, come piume, bastoncini di seta, fiori, acqua .. E altri di dolore e di morte, come coltelli, catene, una pistola carica. All’inizio il pubblico sembrava titubante. Qualcuno la decorava con I fiori, altri la legavano con una corda, altri ancora le procuravano solletico …
Dopo si sono scatenati …
L’uso delle catene, il corpo bagnato con dell’acqua, intensificava le reazioni e le emozioni del pubblico. Il critico d’arte thomas mcevilley, che ha partecipato all’evento, ricorda come la violenza andasse intensificandosi. “l’esperimento è iniziato quasi con timore. Qualcuno le girava intorno. Qualcuno le alzava braccia in aria … qualcuno la toccava intimamente…
Ma poi un uomo ha usato una lama di rasoio per farle un taglio sul collo e un altro ha scelto di usare le spine di una rosa per graffiarle la pancia.
“un terzo , ha iniziato a tagliare I suoi vestiti con una lama di rasoio. Verso la fine , le stesse lame hanno cominciato a ferirle la pelle. Iniziano diversi approcci sessuali, ma lei era così concentrata nella sua parte, che avrebbe resistito ad uno stupro o anche al suo assassinio “, spiega mcevilley…
Estremo il momento in cui nelle mani dell’abramovich viene messa la pistola carica, appoggiata e diretta al collo.
Nelle ultime ore, la performance è diventata ancora più spaventosa.
“sono stata violentata”, ricorda l’artista marina abramovic. “hanno tagliato I miei vestiti e sono stata parzialmente denudata, mi hanno frustata con le spine di una rosa sul ventre.” il risultato?
Quest’opera d’arte ha dimostrato quanto rapidamente la violenza contro gli altri si intensifichi quando le circostanze sono favorevoli.
Sei ore dopo l’esperimento, l’artista girava ancora nella stanza, ma I partecipanti evitavano di guardarla in viso. Le persone si comportavano con una certa normalità, come se avessero già dimenticato la loro aggressione contro la donna.
“questo lavoro rivela qualcosa di terribile sull’ umanità. Dimostra quanto velocemente una persona può far male in circostanze favorevoli. L’esperimento mostra come sia facile disumanizzare, abusare, di una persona che non lotta, che non si difende. Dimostra inoltre, che fornendo lo scenario adatto, la maggior parte delle persone apparentemente “normali” , puo’ diventare estremamente violenta. ”
Certamente un lavoro controverso, ma illuminante, che ci fa pensare a come gli esseri umani siano tendenzialmente violenti e come questa violenza possa essere facilmente esternata, quando si sa, di non essere giudicati. Spaventoso, non è vero?

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *