IL BIMBO INSANGUINATO DI ALEPPO ORA STA BENE. E IL PAPÀ ACCUSA: “STRUMENTALIZZATO DAI RIBELLI”

Omran, il bimbo simbolo dell’assedio di Aleppo, sta bene. La foto e il video di quel faccino insanguinato e coperto di polvere emerso dalle macerie, senza neppure una lacrima tanto forte era lo shock, in agosto avevano fatto il giro del mondo. *Ora una nuova foto e un nuovo video mostrano il piccolo, di tre anni, perfettamente in salute sulle ginocchia del padre intervistato questa settimana da emittenti libanesi e filo-Assad.  Il fermo immagine, diventato virale sui social, è stato postato su Facebook da Kinana Allouche, giornalista pro-Damasco della Tv al-Mayadeen che ha intervistato la famiglia e che scrive: «Omran Daqnish, che è stato falsamente dipinto come un bambino colpito dall’esercito siriano ora vive in Siria con il suo esercito, il suo leader e la sua gente».

Nell’intervista, il papà del bimbo afferma che i gruppi ribelli e i media internazionali avevano usato suo figlio per attaccare il governo siriano. Ma, scrive il Telegraph online, la «famiglia potrebbe essere stata costretta a rilasciare l’intervista per la propria salvezza» e, sottolinea il giornale, viene presentata come «leale al regime durante tutto l’assedio ad Aleppo est».

loading...

Insomma un bimbo strattonato da tutti, pro e contro Damasco, strumentalizzato dai media di tutte le parti in conflitto e anche da quelli internazionali che – almeno in teoria – sono super partes. Come Aylan, il piccolo profugo, siriano anche lui, annegato nel Mediterraneo mentre fuggiva dalla guerra. Bimbi due volte vittime. E mentre le foto passano, i conflitti e i drammi restano.

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *