Sapevate Che Il Riso Contiene Un Potente Veleno? Ecco Come Eliminarlo E Impedire Danni Alla Salute

Chi di noi non ha mai mangiato del riso? Vedrete che nessuno potrà rispondere di non averlo mai fatto perché ormai il riso è divenuto un cibo onnipresente sulle tavole di tutto il mondo. Solo in India, ad esempio, il 60% della popolazione mangia riso ogni giorno.*
Sappiamo che questo alimento contiene molte sostanze che fanno bene al nostro organismo e spesso molti nutrizionisti lo consigliano al posto della pasta, ma bisogna dire anche che negli ultimi anni si è scoperto che il riso contiene un elemento naturaledecisamente nocivo. Ecco di cosa si tratta e come fare per eliminarlo dai chicchi di riso.

immagine: Graphic Stock

L’elemento naturale nocivo presente nel riso è l’arsenico inorganico, un semi-metallo che esiste in natura nell’aria, nell’acqua e nel terreno, ma nella sua forma inorganica risulta essere tossico, classificato come cancerogeno di categoria 1 da parte dell’Unione Europea.

Oltre a riso, altri alimenti come pesce, carne, pollame, prodotti lattiero-caseari e altri cereali sono contaminati e i primi sintomi di esposizione prolungata a livelli elevati di arsenico inorganico (attraverso il consumo di cibo e acqua contaminati) sono generalmente osservabili nella pelle e comprendono alterazioni della pigmentazione, lesioni cutanee, calli e duroni sui palmi della mani e sulle piante dei piedi.

loading...
immagine: Graphic Stock

Ma niente panico, però, gli esperti sottolineano come sia tutta una questione di porzioni. Se si mangia riso solo alcune volte alla settimana, la salute non è messa a rischio come se invece consumato quotidianamente, e questo perché se la quantità di arsenico è poca, il corpo lo elabora e lo scarta nelle urine.

Ma per stare tranquilli però si può sempre ridurre ulteriormente il rischio di intossicazioni in questo modo: quando vi preparate a cuocere il riso preoccupatevi prima di sciacquarlo più volte in abbondante acqua fredda finché essa risulterà del tutto trasparente, poi procedete con la cottura unendo alla porzione di riso una quantità 5 volte maggiore di acqua (rapporto 1:5).

 

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *