Atac, Renzi: “M5S Raccomanda Amici Di Amici”. Raggi Annuncia Querela

Sull’azienda di trasporto pubblico della Capitale si apre nuova bagarre Pd e M5s. La bufera che ha travolto Atac, con l’addio dell’ormai ex dg Bruno Rota e le sue accuse al presidente della commissione Trasporti Enrico Stefàno (M5S) su presunte segnalazioni per promozioni veloci, diventa terreno di scontro politico e irrompe in Campidoglio. Il segretario del Pd Matteo Renzi attacca frontalmente: “Nell’azienda dei trasporti di Roma i grillini, che dovevano fare la rivoluzione, raccomandando gli amici degli amici”. “Nessuno del MoVimento 5 Stelle ha mai fatto raccomandazioni. Renzi sarà querelato”, promette la sindaca di Roma Virginia Raggi.*

Ma sul “caso” Rota scatta l’assedio alla sindaca: il senatore di ‘Idea’, Andrea Augello, annuncia di aver presentato, assieme al collega Vincenzo Piso un esposto in Procura sul ‘caso segnalazioni’. Stefàno già ieri aveva respinto al mittente le accuse invitando Rota a scusarsi. Poi in una risposta agli utenti su Facebook aveva assicurato: “Sulla querela, state pur certi che farò valere i miei diritti. Sono sempre stato una persona onesta, non ho timore di dimostrarlo”. Ma Augello rincara la dose e vuole “approfondire i rapporti tra il M5S e la società ‘Conduent’”, quella citata nel post della discordia di Rota su Enrico Stefàno. Il quale incassa la fiducia e il sostegno anche dei colleghi in Aula Giulio Cesare. Per Bruno Rota, invece, in Atac “la deadline è già superata. L’ultima volta è riuscita a pagare gli stipendi nell’ultimo quarto d’ora…”.

Middle Post

Al vertice della municipalizzata, inoltre, il manager milanese spiega di avere “rischi anche personali”. La risposta della prima cittadina non si fa attendere: “La situazione in cui si trova Atac era ed è grave – ammette – capiamo le sue motivazioni, il M5S invece non può fermarsi dinanzi alle difficoltà. Faremo di Atac un’azienda che funziona”. E Raggi replica a muso duro a Renzi. “Le polemiche create dai giornali sono l’ultimo dei nostri interessi, ma se il segretario del Pd ci diffama è un’altra storia: Renzi dovrà rendere conto delle sue parole”. Ma in Campidoglio, sulla scia delle dimissioni di Rota, crescono le fibrillazioni. Andrea Mazzillo, assessore al Bilancio e al Patrimonio, rimettendo le deleghe alla casa, si sfoga con “La Repubblica” puntando il dito contro “molti” colleghi di Giunta che “non hanno alcun rapporto con gli eletti” e contro la scelta di “persone che non conoscono Roma”. Parole che suscitano l’ira della sindaca. “A tutti i componenti della mia squadra di consiglieri e di giunta dico infatti di non distrarsi dal lavoro. Chi preferisce polemizzare si mette da solo fuori dalla squadra”, è la stoccata di Raggi.

loading...

E l’argomento Mazzillo, sarà, con ogni probabilità, all’odg anche della riunione di maggioranza di lunedì. Le opposizioni attaccano frontalmente Virginia Raggi. Il vicepresidente del Senato Maurizio Gasparri (FI) chiede elezioni anticipate per il Campidoglio, lo stesso giorno delle politiche: “La Raggi se ne deve andare. Non solo ha portato Roma al disastro con l’emergenza idrica e il fallimento dell’Atac, ma ha aggiunto bugie a bugie”. “Il M5S a Roma sta facendo un lavoro enorme – afferma il parlamentare grillino Alfonso Bonafede – continuiamo sulla strada tracciata che è quella giusta”. Forse già la prossima settimana potrebbe arrivare il nome del nuovo dg di Atac, il Campidoglio lo avrebbe già individuato. Tra i nomi circolati: Alberto Ramaglia, Carlo Tosti, Giancarlo Schisano e Carlo Pino. Intanto ieri anche il ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda ha firmato il referendum dei Radicali per la messa a gara del trasporto pubblico di Roma

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *