PIATTI E POSATE D’ARGENTO PER 3 MILIONI DI EURO”. IL TELEGRAPH SBATTE IN PRIMA PAGINA FEDERICA MOGHERINI E GLI SFARZI DI BRUXELLES IN TEMPI DI AUSTERITÀ

Servizi di piatti in stile imperiale, bicchieri in cristallo, porcellane e interi servizi di posate in argento. Il servizio diplomatico dell’Unione europea spende e spande per milioni di euro per ospitare banchetti, party e visite di dignitari dal mondo intero. Mentre proprio l’Europa impone a tutti rigore e austerità, il Telegraph sbatte in prima pagina gli sfarzi di Bruxelles, e il quotidiano britannico, almeno nella scelta delle fotografie a corredo, svela sfacciatamente il suo principale bersaglio: Federica Mogherini, l’alto rappresentante Ue per la politica estera europea.

Stando alle indiscrezioni del Telegraph, i servizi da tavola – che saranno utilizzati in occasione di ricevimenti tanto a Bruxelles che presso le 140 rappresentanze ue all’estero – in preziosissima ceramica cinese col bordo dorato e abbelliti da un’incisione della bandiera europea, bicchieri da whisky, brandy e champagne, nonché vassoi, candelabri e molto altro ancora, costeranno all’incirca 2 milioni di sterline, vale a dire quasi 3 milioni di euro. Circa dieci volte il costo di un analogo ordine di recente effettuato dalla Casa Bianca.

telegraph

Il servizio europeo per l’azione esterna (european external action service – eeas) è stato creato nel 2009 dal trattato di lisbona e “sta assumendo un’importanza via via maggiore”,riconosce il Telegraph, che guarda con preoccupazione al nuovo corso dopo l’uscita della britannica Lady Ashton. Poi il quotidiano conservatore britannico precisa: “È guidato dall’alto rappresentante, Federica Mogherini, un’ex giovane comunista diventata poi ministro degli Esteri italiano. Il servizio ha uno staff di 3.400 persone e un budget di 793 milioni di euro, con sedi persino alle Seychelles, in Australia, Canada e Kazakhstan”.

loading...

documento telegraph
Il servizio Ue è “sempre più apprezzato dagli Stati Uniti”, ammette ancora il Telegraph, dando voce ai timori di alcuni deputati tory preoccupati di vedere ridimensionato il ruolo del Foreign and Commonwealth office.

 

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *