Caos Alitalia: il Governo brancola nel buio e pubblica il bando per la vendita

Si apre ufficialmente lunedì prossimo, 7 agosto, la nuova fase della procedura di vendita di Alitalia. L’azienda è nel caos, il Governo brancola nel buio senza riuscire a trovare una soluzione per una situazione che mette a rischio migliaia di posti di lavoro, e il Ministero dello Sviluppo economico non trova di meglio da fare che autorizzare la pubblicazione sui principali quotidiani nazionali e internazionali del bando per le offerte vincolanti, che dovranno essere presentate entro il 2 ottobre. Il testo prevede due possibili soluzioni: cessione unitaria dell’azienda o vendita separata della parte aviation e della parte handling. In caso di parità di condizioni, si prevede che siano considerate preferibili le offerte sul lotto unico.*

Con il bando pubblicato lunedì sui principali quotidiani nazionali e internazionali, oltre che sul sito Corporate di Alitalia, vengono resi noti i relativi tempi: dal 7 agosto alla mezzanotte del 15 settembre potranno essere presentate le manifestazioni di interesse; entro 10 giorni i commissari comunicheranno ai soggetti che ne abbiano i requisiti l’ammissione alla procedura; il termine ultimo per la presentazione delle offerte vincolanti è il 2 ottobre. Il bando prevede anche una successiva eventuale fase di “negoziazione e/o di miglioramento delle offerte vincolanti presentate” che si concluderà entro il 5 novembre. La vendita unitaria della compagnia resta l’opzione preferita sia dai commissari che dal Governo. Alla finestra ci sono i soggetti che hanno presentato un’offerta non vincolante, ma anche altri, dal momento che le porte restano aperte anche a chi non ha partecipato alle fasi precedenti.

Le offerte non vincolanti hanno visto i pretendenti ridursi di un terzo: dai 33 che hanno presentato la manifestazione di interesse ad una decina (oltre ad Etihad e Ryanair, ci sarebbero Lufthansa, Delta, British ed EasyJet, ma si parla anche di compagnie cinesi e di fondi di investimento). L’obiettivo dei commissari, che in parallelo stanno lavorando anche all’elaborazione del programma dell’amministrazione straordinaria atteso per ottobre, è di arrivare all’aggiudicazione verso ottobre-novembre e al closing dopo novembre. In attesa del closing e del buon esito per la cessione i commissari restano alle prese sia con l’elaborazione del programma dell’amministrazione straordinaria che sarà pronto per ottobre, sia con la gestione operativa dell’azienda, che nel frattempo macina in perdita. Nei primi due mesi del 2017 Alitalia ha perso 200 milioni di euro.

loading...

Intanto è arrivata alle battute finali la vendita di un’altra compagnia aerea in amministrazione straordinaria: il commissario di Blue Panorama, Giuseppe Leogrande, ha accolto la proposta di acquisizione presentata da Uvet, il gruppo che opera nella filiera del turismo. L’offerta è stata presentata al comitato di sorveglianza della compagnia in amministrazione straordinaria, ed è ora al vaglio del ministero. In fase iniziale la gara Blue Panorama ha raccolto una partecipazione di più concorrenti. L’offerta vincolante del gruppo Uvet è risultata in linea con il bando ed il closing dovrebbe avvenire in autunno. “La nostra idea – ha detto Patanè – è di fare di Blue Panorama una compagnia integrata verticalmente all’interno di un gruppo leader della filiera turistica”.

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *