“DEVO PROSTITUIRMI PER VIVERE”. CHOC E SGOMENTO NELLA TV. PER ANNI AVEVA CAVALCATO L’ONDA DEL SUCCESSO MA ORA LA STELLA DELLA “SIGNORA” DELLA TRASGRESSIONE, IDOLO DEGLI ANNI ’80, SI È DEFINITIVAMENTE ECLISSATA

“Sono stata sfruttata, umiliata, indotta alla prostituzione e non pagata”. Una denuncia choc, quella di Maurizia Paradiso, la trans icona degli anni ’80 che da mesi lotta contro la leucemia. “Io ho una dignità – continua intervistata dalla rivista Gay.it -, e sono stata costretta a prostituirmi. Sono malata di leucemia, guardi cosa sono costretta a fare a sessantadue anni”. E non finisce qui. L’attacco della showgirl si sposta oltre, afferma di aver subito violenze in un night per scambisti vicino a Brescia: “Sono stata cacciata, non pagata e trattata come una disgraziata. Mi hanno persino frustrata”. La Paradiso aveva raccontato nei mesi scorsi di essere rimasta senza soldi dopo aver subito la truffa di un amico. E non solo: per protesta, ora, ha deciso di interrompere le cure. “Sto facendo lo sciopero dei farmaci da tre giorni. Io non mi curerò più. Ora sto andando in ospedale, al San Gerardo di Monza in via Pergolesi, ad informare tutti i medici che mi hanno seguita negli ultimi anni”*

Poi continua nel suo sfogo: “Ieri avevo la minima a 180. Sto impazzendo. Oggi avrei dovuto fare una TAC, ma non la farò”. Tutto ciò perché la Paradiso si dice convinta che, in questo modo, qualcuno ascolterà il suo appello”. Una vita non facile quella di Maurizia, un’infanzia difficile, trascorsa accanto alla madre mentre “passeggiava” in piazza Giulio Cesare. A sei anni era iniziato il suo calvario nel primo di una serie di collegi, nei quali subirà violenze psicologiche, fisiche e sessuali, da compagni e insegnanti.

 

 

Con l’adolescenza e l’esplosione prepotente della sua omosessualità, erano iniziate infatti le dosi di ormoni, la prima operazione al seno (a 23 anni), seguita da altri dodici interventi, e il cambio di nome e sesso. Poi grazie alla sua determinazione era arrivata la celebrità nel mondo dello spettacolo, che l’aveva portata a condurre programmi televisivi come Vizi privati e Colpo grosso, ma anche a ricoprire ruoli cinematografici in film come Romance e Il segreto di Maurizia. Scatenata, trasgressiva, la Paradiso aveva fatto parlare di sé anche quando poco prima delle elezioni del 2008 spara a zero sulla Lega Nord, partito dal quale ha deciso di uscire quando le è stato fatto capire di non essere gradita a causa della sua ambigua sessualità.

loading...

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *