Depurato Pd: togliamo la scritta dux. Nuova bomba sui monumenti fascisti e news sulla legge.

Il deputato Pd Emanuele Fiano, come dichiatato ai microfoni di 24Mattino su Radio 24, sta portando avanti la legge sull’apologia del fascismo.

La sua attenzione, questa volta, è rivolta all’obelisco del Foro Italico a Roma e, in particolar modo, alla scritta “Mussolini dux” incisa.*

“Sono contrario all’abbattimento di monumenti, ma l’abrasione della scritta è una cosa che è stata fatta in Italia in tanti posti. L’abrasione della sola scritta è giusta”.

Dopo le vacanze estive, la legge è tornata alla Camera per il voto finale prima del passaggio al Senato.

La norma in questione può ritenersi un’espansione della legge Scelba del 1952 e della Mancino del 1993, poichè con la sua approvazione definitiva, saranno puniti anche gesti individuali che inneggino al fascismo o al nazionalsocialismo.

Saluto romano e diffusione di gadget compresi. Pena? Reclusione dai 6 mesi ai 2 anni. Questa sarà, poi, “aumentata di un terzo se il fatto è commesso attraverso strumenti telematici o informatici”.

La legge a Fiano non basta. Pare, infatti, che sia intenzionato a cancellare ogni traccia che ricordi l’era del fascismo, proprio a partire dall’obelisco sopra citato.

loading...

Un’idea molto interessante potrebbe essere la proposta del sindaco di Predappio, Giorgio Frassineti, di istituire un museo storico al posto dei negozi di gadget.

“Un museo che spieghi cosa è stato il fascismo – spiega Fiano – ciò che ha prodotto e causato e ciò di cui è colpevole. In Germania ci sono esempi di musei legati alla storia del nazismo che insegnano alle nuove generazioni o anche a quelle vecchie esattamente tutto quello che è successo. Raccontare, spiegare anche introdursi nelle contraddizioni di un pezzo di storia è giusto senza infingimenti”.

Fonte: Il Giornale

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *