Una Cliente Insulta Il Cassiere Chiamandolo “handicappato”: Ecco Le Reazioni Delle Persone

Nonostante le numerose battaglie che nei decenni sono state condotte, non possiamo di certo dire che ad oggi le barriere che dividono le persone portatrici di handicap siano state totalmente eliminate. E non stiamo parlando soltanto delle barriere architettoniche che ostacolano il movimento fisico di chi ha differenti capacità motorie, ma anche di limiti mentali che relegano le persone con disabilità nella definizione di “diversi”, limitando di fatto il loro diritto ad avere una vita dignitosa.

L’ambito lavorativo ad esempio è uno di quelli in cui i pregiudizi si fanno sentire, e l’esperimento sociale che vi proponiamo vuole appunto indagare su quel fronte.

La situazione è semplice: ci troviamo alla cassa di un piccolo supermercato; mentre una donna si accinge a pagare, la cassiera chiama un suo collega con sindrome di Down per sostituirla, scatenando la reazione inorridita della cliente.

In realtà quest’ultima è un’attrice (tra l’altro, un’attrice con i nervi saldi e molto convincente), e lo scopo è vedere quanti clienti effettivamente sceglieranno di reagire a questo ignobile comportamento.

Se nel primo esperimento viene generata una reazione più graduale (che comunque merita un applauso), la situazione cambia radicalmente nei due casi successivi. Soprattutto quando la cliente afferma in modo diretto che non le pare giusto che alla cassa ci sia un “handicappato” e che vuole essere servita da una persona “normale”, tutta la coda insorge letteralmente contro di lei, con dei picchi di disprezzo davvero lodevoli.

La situazione si conclude con il bellissimo momento in cui le donne abbracciano e confortano il ragazzo incoraggiandolo a non curarsi delle vergognose parole della donna.

loading...

Anche se il video è in spagnolo e non è possibile capire ogni parola, le emozioni delle persone sono ben visibili e non possono che farci riflettere: quanti di noi sarebbero disposti ad intervenire con decisione in una situazione del genere? Quanto la nostra società è davvero inclusiva nei confronti delle persone con disabilità?*

 

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *