VIDEO – “Unomattina”, scontro Rampelli – Fiano: “la tua legge è demenziale”

«Disapprovo quello che dite ma difenderò fino alla morte il vostro diritto a dirlo». Così, parafrasando la celebre frase attribuita a Voltaire, Fabio Rampelli dagli studi di Unomattina inzia un incandiscente contraddittorio con Emanuele Fiano, padre della legge contro la propaganza e la gadgettistica ispirata al Ventennio. Prima un servizio sulle “novità” del provveddimento approvato dalla Camera (con l’opposizione di FdI, Lega, Forza Italia e Cinquestelle) poi il duello in diretta tv. Alla domanda del conduttore, Franco Di Mare, sulla posizione di Fratelli d’Italia, il capogruppo a Montecitorio punta i riflettori contro un provvedimento inutile, antistorico e “demenziale”.*

loading...

Rampelli: è una legge demenziale
Innanzitutto, dice Rampelli, si rischia la reintroduzione dalla finestra dell’odioso reato d’opinione, che «è un grave pregiudizio alle regole della convivenza democratica». Ben vengano le sanzioni e la condanna dell’uso della violenza in politica, ma niente guinzagli alle idee. E poi, aggiunge Rampelli, «se proprio ci si vuole avventurare su questa strada, lo si deve fare a 360 gradi anche nei confronti dei totalitarismi comunisti dei quali non c’è traccia nella legge Fiano. Si dovrebbe intervenire su tutte le idoelogie totalitarie, compreso il comunismo, un sistema cruento che ha fatto carneficine anche in Italia, come dimostra il “triangolo rosso” in Emilia». Tra i buchi neri di una legge definita “demenziale”, il capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera aggiunge anche l’assenza di storicità e di attualità, («oggi esiste un pericolo che si chiama fondamentalismo islamico e un allarme concreto, che si chiama terrorismo, è lì che si deve intervenire»).

Chiudiamo l’Istituto Luce?
Poi, sotto gli occhi divertiti dei conduttori, aggiunge: «Se mi trovassi a Mosca, vorrei, anzi pretenderei, di trovare nei mercatini il colbacco con la stella rossa. Non credo che un colbacco possa rappresentare un pericolo per la democrazia come non lo è una bottiglia di vino con l’immagine del Duce e la scritta “Bevo nero e me ne frego”». Con la nuova legge, incalza Rampelli, «che cosa succede? Se parlo bene della riforma Gentile o dell’urbanistica razionalista rischio fino a tre anni di carcere? Dobbiamo chiudere l’Istituto Luce?». Neppure all’indomani della seconda guerra mondiale – conclude Rampelli – con il pericolo reale di un ritorno del fascismo, Togliatti, che invece ha concesso l’amnistia, ha avuto la tentazione di colpire i gadget del Vntennio: «Ammettilo hai fatto una legge ridicola e demenziale. Si può sbagliare, può succedere…». (Secolo d’Italia)

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *