Vogliono lo stesso taglio di capelli per confondere la maestra – la loro lezione di vita diventa virale

Jax Rosebush e Reddy sono migliori amici. Hanno 5 anni e frequentano la stessa classe. Un giorno sono andati dai rispettivi genitori con un’idea molto brillante secondo loro. Volevano lo stesso taglio di capelli per confondere la maestra. Quando la mamma di Jax ha saputo le intenzioni del figlio, è rimasta molto colpita dalla sua innocenza.*

La donna ha deciso di condividere la storia su Facebook e il suo post è diventato subito virale, facendo il giro del mondo. I due amici si trovavano dal parrucchiere ed erano certi che con lo stesso taglio avrebbero ingannato l’insegnante.

“Questa mattina io e Jax abbiamo avuto una conversazione interessante sui suoi capelli. Gli ho detto che aveva bisogno di un bel taglio. Lui voleva un taglio molto corto, proprio come il suo amico Reddy.

Non vedeva l’ora di ritornare a scuola dopo il weekend per sfoggiare lo stesso taglio di Reddy. In questo modo la maestra non sarebbe riuscita a distinguerli. Pensava che fosse divertente se l’insegnante li avrebbe confusi per via dei capelli.

Ecco una foto di Jax e Reddy prima dello spettacolo di Natale. Sono sicura che anche voi noterete la somiglianza. Se questa non è la prova che l’odio e il pregiudizio sono qualcosa di appreso, non so che dire. L’unica differenza che Jax vede è nel taglio di capelli.”

Eccoli insieme dopo una visita dal parrucchiere: ora hanno lo stesso taglio di capelli!

Lydia Stith Rosebush – Facebook

loading...

Erano così felici, non vedevano l’ora di fare uno scherzo alla loro insegnante. Erano davvero convinti di essere come due gocce d’acqua.

Youtube

Questa storia è davvero toccante. I due bambini sono adorabili e ci ricordano che siamo tutti uguali, a prescindere dal colore della pelle. Per Jax Rosebush e Reddy a differenziarli era solo il colore di capelli. L’innocenza dei bambini ci permette di avere una visione più profonda della vita. Non esitate a condividere questo articolo!

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *