Altro che riduzione delle auto blu per i nostri politici…Guardate cosa ha deciso il Governo? Scandaloso!

Per gli enti locali c’è la corsa all’acquisto delle nuove auto blu. Infatti proprio a fine Dicembre scadrà, infatti, il divieto di acquisto di vetture di rappresentanza imposto oltre tre anni fa.

Tale operazione aveva ridotto le auto blu a quota 307. Una buona diminuzione che ahimè a fine Dicembre verrà abolita.*

Attraverso un’intervista si è dichiarato: “A parte la manie di qualche politico per l’auto di lusso e la scarsa trasparenza sul loro uso, le auto blu vere e proprie al 31 dicembre 2016 erano ben 225 per le 21 Regioni (comprese le due province autonome di Trento e Bolzano)”.

Su liberoquotidiano leggiamo:

C’è poi un tema assai delicato che è quello delle flotte degli 8.000 Comuni. Su questo fronte il monitoraggio annuale condotto dal Ministero della Funzione Pubblica segnala un problema non sulle auto blu o di rappresentanza ma su quelle di servizio, cioè le auto che vengono usate dai vigili urbani o dai dipendenti per eseguire le infinite missioni dei Comuni.

Ebbene nel 2016 queste vetture sono arrivate a sfiorare quota 16.000 rispetto alle 7.408 del 2015. “Un boom che si spiega, ma solo in parte” precisa il quotidiano, “con l’aumento delle amministrazioni che hanno risposto al monitoraggio sotto la pressione dei tagli ai trasferimenti per le amministrazioni che nascondono le loro flotte”.

E dopo tre anni di stop, la fine dell’anno si avvicina e sono già diversi gli Enti locali che stanno scaldando i motori per acquistare nuove auto blu.

loading...

Consapevole di ciò che potrebbe accadere, l’esecutivo pare intenda spegnere sul nascere la tentazione di una nuova rincorsa all’auto blu a livello locale: basterebbe solo un emendamento alla manovra o attraverso il decreto milleproroghe di fine anno e per tutte le amministrazioni locali arriverebbe la proroga al blocco dell’acquisto di nuove vetture per politici e dirigenti amministrativi. Questo sempre che l’esecutivo si ricordi..

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *