Per puro sbaglio questa studentessa ha fatto una scoperta fenomenale: è riuscita ad ottenere una struttura perfetta per generare energia infinita.

Quante volte ci capita di fare qualcosa per caso? Ma quando il caso si combina magicamente con la fortuna, allora il risultato può essere qualcosa si strabiliante.

Lo sa bene Mya Le Thai, una dottoranda dell’Università della California, che è riuscita “per caso” a dare vita ad un’invenzione fenomenale.

Mentre si trovava in laboratorio lavorando, Mya è riuscita ad ottenere la struttura perfetta in grado di creare una batteria che può essere ricaricata ripetutamente oltre 200mila volte arrivando a durare… 400 anni!*

I ricercatori all’inizio stavano sperimentando l’utilizzo di nanofili nella creazione di batterie, arrivando alla conclusione che questi sottili e fragili fili si sarebbero rotti dopo ripetute ricariche della stessa batteria, rendendo il prodotto inutilizzabile.

batteria2

La dottoranda Thai, un giorno, decise di provare a ricoprire un insieme di nanofili d’oro con del biossido di manganese e un gel elettrolitico di aspetto simile al plexiglass e così… voilà, ecco la batteria che, sottoposta a diversi esperimenti, è risultata in grado di durare centinaia di anni!

loading...

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *