Flavio Briatore: “Non so come si possa vivere con 1300 euro al mese e…”

L’uscita dell’imprenditore Flavio Briatore a «Carta Bianca» scatena il Web. Anche perché – ricerche alla mano – gli stipendi degli italiani sono tra i più bassi d’Europa

Una polemica di quelle che in Rete assumono proporzioni gigantesche. L’uscita di Flavio Briatore a Carta Bianca, la trasmissione di Bianca Berlinguer in prima serata su Rai Tre, ha scatenato il Web: «Io non so come uno possa vivere con 1300 euro al mese sinceramente» ha detto l’imprenditore, in collegamento da Montecarlo: «È ridicolo parlare del sacrificio di andare fuori casa: ma cosa vuol dire? Che vorrebbero andare a mangiare gli spaghetti con la nonna e la mamma tutte le domeniche? Quando sento che è così difficile esser lontano da casa per un ragazzo di 25 anni penso che sia incredibile.

Negli Stati Uniti i ragazzi a 16-17 anni lasciano le famiglie e cercano di trovare una strada loro». Boom, è bufera sui social, a colpi di Briatore e CartaBianca.*

Mille e 300 euro al mese sarebbero già un buon risultato, dato che, ricerche alla mano, sembra che i lavoratori italiani siano tra i più poveri d’Europa.

A onore del vero il problema, stando all’ultima indagine Global 50 Remuneration Planning della società di consulenza Willis Towers Watson, non sarebbero solo gli stipendi troppo bassi, ma pure un potere d’acquisto limitato, dato da un alto costo della vita.

Analizzando la media della retribuzione annuale lorda delle prime 20 economie europee, «Middle Managers» ed «Entry Level» italiani si posizionano al 14° posto del ranking, posizione che si abbassa ulteriormente (17°) se si calcola lo stipendio rispetto, appunto, al potere d’acquisto.

loading...

Rodolfo Monni, responsabile indagini retributive di Willis Towers Watson, aggiunge anche che: «Nei Paesi come l’Italia, caratterizzata da un’imposizione fiscale di tipo progressivo, i livelli retributivi reali sono più bassi rispetto agli altri paesi all’aumentare di carriere e retribuzioni».

E se, come suggerisce Briatore, bisogna andare all’estero e spostarsi, un dato può essere utile: la Svizzera rimane il Paese con le retribuzioni più alte, superiori di circa 50% rispetto per esempio all’Irlanda, seconda nella classifica. Insomma, chi non sarebbe d’accordo con uno stipendio più alto? Tanto più che secondo i dati dello studio pubblicato dall’Office for National Statistics,compensi più sostenuti renderebbero addirittura più forte l’economia. Le retribuzioni basse bloccherebbero il sistema e indebolirebbero la struttura della società. Forse che con tutte queste buone argomentazioni si può andare a chiedere un aumento di stipendio?

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *