Le immancabili macchie di Muffa sulle pareti: ecco come eliminarle DEFINITIVAMENTE

Quando le macchie di muffa si creano all’interno delle abitazioni bisogna correre ai ripari. Molte persone ritengono che l’unico metodo efficace sia quello di utilizzare della candeggina, ma non è corretto, non è bene utilizzarlo in ambienti chiusi né tantomeno nelle camere in cui si soggiorna più a lungo, come ad esempio il soggiorno o la camera da letto. Ecco metodi del tutto naturali che sortiscono un ottimo effetto.

1) ACQUA OSSIGENATA*

– 700ml di acqua

– 2 cucchiai di acqua ossigenata al 3%

– 2 cucchiai di bicarbonato di sodio

– 2 cucchiai di sale fino

Miscelate tutti gli ingredienti e poi versate in uno spruzzino. Ora spruzzate la miscela sulle macchie di muffa e passate un panno pulito, per rimuoverle.
2) OLIO ESSENZIALE ALLA LAVANDA

– 100ml di alcool denaturato

– 1 goccia di olio essenziale di Lavanda

Alcool e Lavanda, sono due preziosi alleati contro la muffa. Miscelate i due elementi e, sempre servendovi di uno spruzzino, irrorate le parti delle pareti o del pavimento in cui sono presenti le chiazze di muffa.

3) ESTRATTO DI SEMI DI POMPELMO

– 500ml di acqua

– 2 cucchiaini di estratto di Pompelmo

– 2 cucchiaini di olio essenziale Tea Tree

Sia l’estratto di semi di Pompelmo che l’olio essenziale Tea Tree, sono due potenti antibatterici e antimicotici. Miscelate l’acqua all’estratto di Pompelmo e al Tea Tree, passate il composto sulle zone da trattare. Lasciate agire a lungo, per permettere l’azione antimicotica.
4) UN ANTIMUFFA PROFUMATO? ECCO LA RICETTA!

loading...

Se oltre a eliminare le macchie di muffa, volete anche deodorare l’ambiente, procuratevi:

– 15 gocce di Olio essenziale di Cannella

– 10 gocce di Olio essenziale di Manuka

– 200ml di acqua

– 200ml di aceto di mele

Miscelate gli ingredienti e spruzzate il vostro antimuffa profumato sulle zone che avete precedentemente trattato. Un delizioso profumo, prenderà il posto del terribile odore di muffa. E tutto in maniera naturale…

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *