Questa neonata è stata abbandonata in un cespuglio – i medici sono sorpresi quando la guardano meglio

Negli ultimi decenni, la crescita della popolazione in India è esplosa. Si stima che nel giro di pochi anni la demografia in India supererà quella della Cina.

Nella crescita demografica, le donne stanno diventando sempre minori rispetto agli uomini.

Si preferisce avere un figlio maschio perchè le donne sono considerate pesi sociali ed economici.

Pertanto, non è poi così insolito che i genitori abbandonino le figlie femmine. Ogni giorno piu’ di 180 bambini scompaiono in circostanze misteriose.*

Alcune persone hanno deciso di battersi contro l’abbandono delle figlie femmine. Un uomo, residente nella città di Una, in India, ha deciso di combattere questa piaga sociale, come riporta il Daily Mail. Anche nella sua regione l’abbandono delle figlie femmine è un problema molto diffuso.

Daily Mail
Daily Mail

Un giorno, durante una passeggiata, ha trovato una neonata abbandonata tra i cespugli.

Ha deciso di agire in maniera tempestiva, chiamando i soccorsi e la polizia per salvare la bambina.

Era una bambina molto piccola, con diversi graffi sul corpo dopo essere stata lasciata senza vestiti nel bosco.

Grazie alle giuste cure, la bambina si è ripresa velocemente.

È stata molto fortunata perchè è stata trovata in tempo! La polizia sta cercando i genitori che l’hanno abbandonata.

Daily Mail
Daily Mail

Il caso di questa bambina non è poi così isolato, purtroppo molte figlie femmine vanno incontro ad un fato terribile.

L’uccisione e l’abbandono delle femmine sono una vera piaga sociale in India. L’organizzazione internazionale UNICEF denuncia la scomparsa di piú di 50 milioni di donne.

loading...
Daily Mail
Daily Mail

Tuttavia, in India esistono molte associazioni che si battono per il bene di queste bambine.

Facebook / ForIndiaWithLove
Facebook / ForIndiaWithLove

Condividete questo articolo per sensibilizzare i vostri amici sul destino crudele a cui vanno incontro le donne e le bambine in India.

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *